Abbigliamento Patagonia: perché comprare il brand sostenibile di Yvon Chouinard

Più che un marchio di abbigliamento, Patagonia è uno stile di vita. I suoi capi uniscono tecnologia, confort e rispetto dell’ambiente. Ecco il suo segreto!

La moda può essere sostenibile. Patagonia, il brand di abbigliamento creato da Yvon Chouinard, ne è la dimostrazione. Il famoso marchio è arrivato al successo anche grazie al suo impegno verso i temi legati alla salvaguardia del pianeta. Questo impegno coinvolge in modo trasversale i dipendenti, i fornitori e i clienti di Patagonia. L’azienda, non solo sostiene le organizzazioni impegnate nella lotta per la difesa dell’ambiente, ma realizza campagne di sensibilizzazione e organizza iniziative per chi ama gli sport all’aria aperta. Patagonia, più che un marchio di abbigliamento, è un modello da seguire. Attraverso la sua storia affascinante, forse ci si farà un’idea sul perché comprare il brand sostenibile di Yvon Chouinard.

Patagonia: la storia del brand di abbigliamento

La storia di Patagonia inizia nel 1970, quando Yvon Chouinard crea la sua prima linea di abbigliamento sportivo. Il geniale fondatore di uno dei marchi di outdoor più famosi del mondo fin da bambino ha sempre amato la vita all’aria aperta. È nato nel Maine da una famiglia di origine franco-canadese, che poi si è trasferita in California quando Chouinard aveva sette anni. Chouinard ha trascorso gran parte della sua infanzia andando a pesca di gamberi intorno al Los Angeles River e alle scuole superiori ha scoperto la passione per l’arrampicata. Deluso dalle attrezzature che utilizzava quando andava in montagna, ha iniziato a fabbricarsi da solo quello che gli serviva e a soli 19 anni ha fondato la Chouinard Equipment, azienda specializzata proprio in attrezzature per l’arrampicata. Fu un successo. Nel 1970, iniziò a vendere magliette da rugby che erano particolarmente apprezzate dagli alpinisti. Queste magliette furono così richieste che Yvon Chouinard creò la sua linea di abbigliamento e nacque Patagonia.

La consacrazione per il marchio è arrivata nel 1977 con la Pile Fleece Jacket. Chouinard per realizzarla si era ispirato al maglione indossato dei pescatori del Nord Atlantico. Così è riuscito a ottenere un capo in grado di fornire calore, mentre assorbe l’umidità. E fu un altro successo. Nel corso della sua storia, Patagonia ha introdotto diverse innovazioni nel mondo dell’abbigliamento: dal tessuto double face Sychilla alla biancheria intima isolante in polipropilene. Di recente è uscita l’autobiografia di Yvon Chouinard intitolata: Let my people go surfing. La filosofia di un imprenditore ribelle. Così ribelle da aver contestato e anche denunciato il Presidente dagli Stati Uniti Donald Trump per le sue posizioni anti ambientaliste.

Come viene realizzato l’abbigliamento Patagonia

“Realizzare il prodotto migliore, non provocare danni inutili, utilizzare il business per ispirare e implementare soluzioni per la crisi ambientale”. Il messaggio è chiaro e compare sul sito web dell’azienda, che è sempre molto attenta all’impatto ambientale di ogni singolo processo che porta alla creazione dei suoi capi: dalle coltivazioni dei tessuti al prodotto finito. I capi di abbigliamento Patagonia vengono realizzati utilizzando solo cotone coltivato in modo organico. Il Patagonia Wool Standard stabilisce le rigorose linee guida per la produzione della lana che comprendono un trattamento equo degli animali e la gestione responsabile del territorio. Il percorso di produzione della piuma d’oca è totalmente tracciabile.

L’azienda utilizza solo plastica riciclata. Patagonia, poi, non solo offre la garanzia a vita su tutti i suoi prodotti, ma fornisce anche un servizio di riparazione dei capi danneggiati presso i suoi punti vendita. L’azienda presta particolare attenzione anche ai suoi negozi e se cerchi un punto vendita dove comprare i capi Patagonia difficilmente lo troverai in un centro commerciale. I suoi punti vendita sono in luoghi radicati sul territorio e vengono costruiti con materiali di recupero e con soluzioni ecosostenibili. Il brand creato da Yvon Chouinard pone grande cura nella realizzazione dell’abbigliamento, nei negozi e anche nei confronti dei clienti, che possono portare i loro capi rotti o danneggiati per farli riparare o per riciclarli.

Le iniziative di Patagonia

L’azienda americana è impegnata in diverse iniziative per promuovere comportamenti virtuosi e per sostenere le cause in cui crede da sempre. Ad esempio, ha creato la piattaforma digitale chiamata Patagonia Action Works per fornire finanziamenti alle organizzazioni che si impegnano per l’ambiente. Patagonia, oltre all’abbigliamento, produce anche una birra sostenibile. Si chiama Long Root Wit ed è una birra belga che si ottiene dalla fermentazione del kernza, un cereale perenne la cui pianta ricresce spontaneamente dopo il raccolto. Questo cerale viene coltivato attraverso tecniche di agricoltura rigenerativa che non danneggiano o impoveriscono il terreno. Con questa iniziativa Patagonia ho voluto dimostrare come si possa produrre della birra in modo sostenibile dal punto di vista ambientale. L’azienda di Yvon Chouinard ha deciso anche di donare 10 milioni di dollari all’ambiente. Si tratta della cifra che Patagonia può risparmiare grazie al taglio delle tasse deciso dal governo degli Stati Uniti, che il brand di abbigliamento outdoor devolverà interamente ad alcune associazioni ambientaliste.

View this post on Instagram

E porque hoje é véspera da Black Friday, não custa relembrar o célebre anúncio da Patagonia publicado no New York Times por ocasião desta data em 2011. Em meio às páginas lotadas com as “barganhas” da Black Friday, a Patagonia fez um apelo: “Don’t Buy This Jacket”. No texto, a marca descreve todas as suas iniciativas para estimular uma atitude mais consciente com relação ao consumo, que vão desde oferecer reparos em roupas desgastadas pelo uso até a reciclagem dos tecidos para confecção de novas peças. A marca defende que, na verdade, suas roupas são feitas para durar – então vc não precisa comprar um casaco novo todo ano (ou só porque ele está em promoção). Foi uma atitude corajosa, ousada e inovadora de uma marca que tem a sustentabilidade na sua essência e que consegue, como poucas, ganhar dinheiro se mantendo fiel aos seus valores. Mas na verdade a mensagem deste post é que a gente possa ter um mindset hoje *menos Black Friday e mais Thanksgiving* 🙌🏻 Afinal, hoje muita gente comemora o dia de Ação de Graças – uma data que acho linda – e não vamos esquecer que temos muito mais do que precisamos para viver bem. E se forem mesmo se jogar nas promoções, busquem marcas que tenham um propósito maior do que o lucro 🌟 #blackfriday #patagonia #dontbuythisjacket #proposito #sustentabilidade #consumoconsciente #thanksgiving #acaodegracas #soacho

A post shared by Andrea Janér (@andrea.janer) on

Abbigliamento Patagonia: la collezione autunno inverno 2019/2020

L’abbigliamento Patagonia non è solo etico e funzionale, ma è anche bello. Gli abiti della nuova collezione dedicata all’autunno inverno 2019/2020, dai piumini alle felpe, passando per le giacche riflettono lo stile minimale del brand, che punta sulla semplicità, la praticità e la durata. E poi, ci sono i prodotti tecnici come le giacche adatte per la vita all’aria aperta, ma che garantiscono anche la massima protezione e il massimo confort anche in città. La SnowDrifter Jacket, ad esempio, è una giacca leggera composta da 3 strati e realizzata in tessuto H2No™ Performance Standard elasticizzato e riciclato. La Untracked Jacket, invece, è in morbido nylon elasticizzato a 3 strati riciclato al 92%, che offre un’incredibile protezione dal vento. I modelli più lifestyle sono rappresentati dalla Quandary Jacket (già presente nello store italiano Slam Jam), una giacca realizzata in tessuto H2No® Performance Standard, impermeabile e traspirante. Protegge dal vento, dalla pioggia e perfino dalle tormente di neve. Il Frozen Range 3-in-1 Parka è il parka di punta del brand, pensato per gli inverni rigidi e realizzato con una struttura interna trapuntata.

Collezione autunno/inverno 2019 a parte, due capi simbolo non possono mancare nel tuo guardaroba se sei un amante dell’avventura e della vita all’aria aperta:

La Retro-x™ Fleece Bomber Jacket

Bomber in pile tecnico sempre dell’ultima collezione di abbigliamento Patagonia. Realizzato in poliestere, presenta colletto, polsini e fondo a costine, mentre la chiusura è a zip. Inoltre, ha 3 comode tasche sempre con chiusura a zip. Puoi acquistare la Retro-x™ Fleece Bomber Jacket su Slam Jam a 150,00 euro.

Abbigliamento Patagonia: perché comprare il brand sostenibile di Yvon Chouinard
In vendita a 150 euro su Slam Jam

La Silent Down Shirt Jacket

Giacca tecnica in piumino imbottito con colletto rialzato, chiusura con bottoni automatici, 2 tasche a scatto sul petto e polsini regolabili sempre a scatto. Ha un peso di 590 g. Puoi acquistare la Silent Down Shirt Jacket sempre su Slam Jam a 250,00 euro. Scegliendo l’abbigliamento Patagonia puoi indossare ottimi capi ed essere eco-friendly con stile.

Abbigliamento Patagonia: perché comprare il brand sostenibile di Yvon Chouinard
Piumino invernale in vendita su Slam Jam

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *