B-Switch

Parole d’ordine: inclusione, sostenibilità e body positivity. Prepariamoci a farci conquistare dalla capsule collection B-Switch, realizzata dagli studenti delle superiori di Bologna

Mettiamo insieme trentacinque studenti delle superiori, cresciuti con background diversi, figli di seconde generazioni, tutti con ambizioni e sogni differenti. Cosa può succedere? Prende vita la capsule collection B-Switch, nata nel giugno 2019 dal progetto Freewear Academy, Baumhaus e CIOFS FP/ER, con il sostegno del Comune di Bologna.

Lookbook

Concepito dagli studenti come una sfida, il progetto B-Switch è stato pensato per utilizzare la moda come uno strumento di empowerment, di affermazione di se stessi e dei propri principi per una generazione, la Z, che vuole diventare promotrice di cambiamento e progresso.

Una sfida che non si è fermata nemmeno davanti alle limitazioni imposte dal lockdown, ma al contrario ha avuto la spinta per andare avanti con determinazione.

Maglie B-Switch

I capi della collezione non sono ancora stati presentati, ma sostenendo il progetto B-Switch con una donazione alla raccolta crowdfunding, potrete ricevere come regalo il merchandising ispirato alla capsule collection, realizzato in collaborazione con il brand indipendente Etik Wear.

https://www.instagram.com/p/CFhD7RzHFbX/

Perché il nome B-Switch?

Il nome B-Switch è composto da due parti. La B, oltre all’evidente rimando al verbo be, essere in inglese, sta per Bolognina, il quartiere di Bologna simbolo della multiculturalità e del fermento creativo dove la linea è nata e a cui si ispira. Switch invece in inglese significa cambiare, o anche interruttore.

E proprio il cambiamento e l’interruttore sono il simbolo della mutevolezza della capsule collection.

Outfit B-Switch

Nella collezione infatti niente è prestabilito e definitivo: i capi sono stati pensati per adattarsi alla personalità di chi li indossa e possono essere modificati in base a come ognuno desidera utilizzarli.

B-Switch Bandana

La collezione B-Switch: Sostenibilità, inclusione, e body positivity

Grazie alla mutevolezza della capsule collection nascono outfit sempre nuovi e personalizzati, che si distaccano dal concetto ormai superato di fast fashion e insegnano a chi li indossa l’importanza del ridurre lo spreco, riutilizzare e riciclare. In una sola parola: sostenibilità.

Anche il merchandising in collaborazione con Etik Wear è realizzato con materiali ecosostenibili, nel rispetto dell’etica del lavoro e con un forte legame con il territorio locale.

Felpa B-Switch
La felpa merchandising di B-Switch, in 80% cotone e serigrafata a mano

Ma non solo: l’obiettivo di B-Switch è parlare di creatività, di streetwear genderless e di body positivity.

Tutti i capi della collezione sono infatti unisex e si distaccano in modo creativo dai canoni estetici tradizionali. In questo modo si vogliono eliminare i confini determinati dall’aspetto fisico di ognuno di noi.

Il video di presentazione della collezione

La sfilata

La collezione verrà presentata per la prima volta a Bologna sabato 17 ottobre, presso il parco del Dopolavoro Ferroviario.

Quella di sabato sarà una sfilata decisamente non tradizionale, perchè sarà accompagnata dall’affissione sul muro del Locomotiv dei poster realizzati per la call di Bologna Stickers “B What You Want”.

Bologna Stickers

Siete curiosi di scoprire tutti i dettagli della capsule collection? Il 17 ottobre a partire dalle 19.00 potrete seguire la sfilata in diretta streaming sul profilo Facebook di Baumhaus.  

https://www.instagram.com/p/CGUrioIHyO0/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *