Il meglio dello streetwear inizio giugno 2020: Nike, Converse e Supreme

Giugno si apre in un momento molto delicato e particolare dopo la morte di George Floyd. Ecco cosa è successo a inizio giugno 2020

Se la scorsa settimana avevamo concluso maggio nel migliore dei modi parlando dei nostri brand storici come Supreme, Palace e Nike e citando collaborazioni originali e fuori dal convenzionale come ASSC x USPS e 8 Moncler Richard Quinn. Oggi cosa vedremo nel meglio dello streetwear inizio giugno 2020? Sicuramente questa settimana non sarà uguale alle altre dopo quello che è successo a George Floyd e a tutte le proteste scoppiate in molte parti del mondo, ma scopriamo tutto qui di seguito.

1 – Off-White x Nike: le Air Jordan 4 “Sail” saranno disponibili dal 25 luglio

E cominciamo col botto! Vi proponiamo subito così l’attesissima collaborazione tra Off White e Nike per le Air Jordan 4 nella colorazione “Sail”. Le avevamo viste per la prima volta durante la sfilata Off White alla Parigi Fashion Week e da quel momento, non ce le siamo più dimenticate. Ma finalmente abbiamo la data ufficiale di release, ovvero sabato 25 luglio 2020. E per di più, le avremo anche nella versione uomo, quindi non solo più per donna. Ci conquistano per il fatto di essere molto fedeli alla silhouette originale di Nike ma con qualche novità e dettaglio particolare come la tipica etichetta con cerniera di Off White. Voi che ne pensate?

2 – Converse: la Pride collection 2020 è più colorata che mai

Anche quest’anno brand come Nike e Converse hanno realizzato un’intera collezione dedicata alla community LGBTQIA+, impegnandosi (anche con donazioni) a sostenere le battaglie civili di questi gruppi. La Pride collection 2020 di Converse è un inno al colore e alla diversità in tutte le sue forme e sfaccettature. La diversità, infatti, non deve essere vista come un elemento che divide ma come uno che aggrega e dal quale possono venire fuori solo cose meravigliose. La collezione (disponibile su Converse e retailer selezionati come Asos e SSENSE) comprende sia scarpe, ovvero le Chuck 70 e le Chuck Taylor All Stars, sia capi d’abbigliamento, il tutto declinato in una varietà di colori accesi e vivaci.

3 – Supreme: dona $500,000 alla giustizia sociale

Questa settimana Supreme, anziché regalarci una delle sue release pazzesche, ha deciso di donare $500,000 alla giustizia sociale e alle organizzazioni benefiche per i diritti civili in seguito a quanto accaduto a George Floyd.

Senza dubbio, un’azione degna di approvazione, ma che ci deve far riflettere sul fatto che ancora al giorno d’oggi, nel 2020, si parla di razzismo e di crimini ingiusti contro le persone di colore. Anche il popolo del web si è unito al “silenzio” indetto dal movimento Black Lives Matter, coinvolgendo persone di tutto il mondo, vip e celebrità tra cui Chiara Ferragni e molti altri:

View this post on Instagram

#BlackOutTuesday Black Lives Matter ❤️

A post shared by Chiara Ferragni ✨ (@chiaraferragni) on

4 – Uniti contro il razzismo

Abbiamo voluto mantenere per ultimo un tema così forte e delicato allo stesso tempo, proprio per riservargli il giusto spazio. Dopo l’ingiusta morte di George Floyd, il mondo ha iniziato a farsi sentire: sono scoppiate numerose proteste in diverse parti del mondo e anche il popolo del web si è unito al “silenzio” e alla voce delle ingiustizie sociali. Sono state attivate campagne contro il razzismo, sono state fatte donazioni alle organizzazioni benefiche e anche alla famiglia di George Floyd. Ma le cose che più hanno colpito in questi giorni sono state l’unione e il coinvolgimento da parte di tante sfere e settori. Anche la moda e il mondo streetwear hanno dato il loro contributo dimostrando la loro sentita partecipazione:

D’altra parte, però, le proteste hanno causato danni e distrutto strade, vetrine e business locali e giustamente i proprietari si sono chiesti il perché di questo. Cosa c’entravano? L’unione dovrebbe essere contro il razzismo, non contro tutti:

Volevamo concludere il meglio dello streetwear di inizio giugno 2020 in questo modo, lasciandovi con questo pensiero e con la riflessione che questa realtà, seppur ancora purtroppo sentita, dovrebbe cambiare al più presto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *