Fashion Hub Market cover

Per la nostra seconda giornata alla Milano Fashion Week 2020 siamo stati alla decima edizione del Fashion Hub Market, ospitato al Museo della Permanente.

Continua la nostra caccia agli eventi più interessanti della Milano Fashion Week 2020. Oggi siamo stati al Fashion Hub Market, ospitato al Museo della Permanente, per scoprire chi sono le giovani promesse del mondo della moda.

Il progetto è promosso dalla Camera Nazionale della Moda Italiana ed è nato con l’obiettivo di promuovere giovani brand nazionali.

Ma il Fashion Hub non è solo Italia. All’ingresso si percepisce subito l’atmosfera internazionale del progetto, che ospita designer provenienti da Ungheria, Cina e Africa. Vediamoli assieme i nuovi talenti della moda, tra foto e commenti.


I brand provenienti dall’Africa

E sono proprio i brand africani che ci accolgono all’ingresso della mostra, con i loro abiti colorati e dal fascino etnico (Studio 189, il brand co-fondato dall’attrice Rosario Dawson), gli abiti dal gusto classico ed elegante (Omer Asim) e i capi proudly made in Nigeria, con l’obiettivo di far conoscere la cultura africana, rendendo i consumatori più consapevoli (Gozel Green).

Studio 189 Fashion Hub Market
Omer Asim Fashion Hub Market
Gozel Green Fashion Hub Market

Fashion Hub Market, i brand italiani

Nell’area dedicata ai designer italiani abbiamo ammirato le collezioni di cinque brand emergenti: Apnoea, Delirious Eyewear, Gentile Cantone, Giuseppe Buccinà e Salvatore Vignola. 

Tutti i designer si sono distinti per aver creato le loro collezioni utilizzando metodi di produzione tradizionali, insieme a tecniche spesso dimenticate dall’industria della moda moderna.

Fashion Hub Market, il padiglione dedicato alla Cina

A causa della delicata situazione cinese e delle restrizioni sui viaggi, quest’anno il padiglione dedicato alla Cina è interamente digitale e le collezioni dei designer sono mostrate al pubblico tramite un maxi schermo posto al centro dell’area.

Per mostrare vicinanza e solidarietà al popolo cinese inoltre, all’ingresso del padiglione è stata posta la scritta China we are with you, accompagnata da un cuore rosso.

Fashion-Hub-Market
Fashion Hub Market China
Fashion Hub Market

I brand ungheresi

Per ultimo abbiamo visitato il padiglione dedicato ai brand ungheresi, che ci hanno affascinato con le loro creazioni eleganti (Abodi e Elysian) i pezzi unici (Je suis belle) il menswear sostenibile (Zigmond Dora) e i capi reversibili (Cukovy).

Noi ne siamo già pazzi e siamo sicuri che anche voi ve ne innamorerete.

Volete conoscere anche voi tutti i nuovi talenti della moda nazionale e internazionale? Il Fashion Hub Market sarà aperto, gratuitamente, al pubblico per tutta la durata della settimana della moda, fino al 24 febbraio. Continuate a seguire Klamour, per rimanere aggiornati su altri eventi della Milano Fashion Week 2020.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.