Sfilata B-Switch

Dopo quasi un anno di attesa finalmente i ragazzi della bolognina ce l’hanno fatta: tra bandiere, fumogeni e capi unici vi raccontiamo la tanto attesa sfilata B-Switch

Avremmo dovuto vederla il 17 ottobre del 2020, ma a causa della pandemia ha subito diversi ritardi. Fino alla scorsa settimana, quando dopo quasi un anno finalmente abbiamo potuto assistere in diretta Facebook alla sfilata B-Switch.

Copertina: courtesy of Michele Lapini Photography

Ve ne avevamo parlato già l’anno scorso, B-Switch è il marchio streetwear inclusivo, sostenibile e creativo creato da trentacinque ragazzi e ragazze delle scuole superiori di Bologna. Un progetto con il quale i ragazzi hanno voluto parlare di inclusività, body positivity, empowerment e affermazione di sé.

Cosa abbiamo visto durante la sfilata B-Switch

Esattamente come era previsto anche lo scorso anno, la sfilata B-Switch si è tenuta nella cornice del Parco del Dopolavoro Ferroviario, più nello specifico attorno alla fontana, e ha visto protagonisti i trentacinque ragazzi e ragazze che hanno ideato il brand.

Ph Michele Lapini photography

Posted by Baumhaus on Wednesday, September 8, 2021

Prima della sfilata alcuni dei ragazzi sono entrati in scena portando con sé delle bandiere bianche, su cui erano scritti in diverse lingue messaggi positivi come “Nobody is perfect”, “Be yourself” e “We are a squad”.

Ph Michele Lapini photography

Posted by Baumhaus on Wednesday, September 8, 2021

In questa atmosfera inclusiva e positiva è iniziata la sfilata vera e propria. Abbiamo assistito a un runway insolito e inaspettato, ricco di emozioni e totalmente diverso dalle sfilate a cui siamo abituati.

I ragazzi e le ragazze hanno presentato le loro creazioni tra sbandieratori, fumogeni colorati e applausi entusiasti del pubblico.

Ph Michele Lapini photography

Posted by Baumhaus on Wednesday, September 8, 2021

I capi della collezione sono esattamente come li avevamo immaginati: capi comodi e genderless, t-shirt, abiti, gonne, pantaloni e giacche in denim. Dominano i capi dal taglio asimmetrico e l’effetto patchwork, che permettono a ogni abito di essere abbinato e sistemato secondo lo stile di chi lo indossa.

Ph Michele Lapini photography

Posted by Baumhaus on Wednesday, September 8, 2021

Il live della sfilata è stato registrato e potete guardarlo sulla pagina Facebook di Baumhaus, mentre qui potete vedere l’album completo delle foto di Michele Lapini.

A voi le foto della sfilata di #Bswitch, la linea di streetwear genderless ispirata alla Bolognina e progettata da 35…

Posted by Baumhaus on Wednesday, September 8, 2021

I contributi esterni

In tantissimi hanno preso parte all’organizzazione della sfilata B-Switch. Undervilla per le riprese video, Michele Lapini per la fotografia, Azeb Lucà Trombetta per il make up.

Luca Giannola, Elisa Nanetti ed Etikwear hanno contribuito per la realizzazione della linea e del merchandising, Elia Dal Maso di Cantieri Meticci per la regia della sfilata e Collettivo Franco per gli allestimenti e la scenografia.

Una sfilata che è solo l’inizio

La sfilata B-Switch può sembrare un punto di arrivo nel progetto dei ragazzi della Bolognina, in realtà è solo l’inizio: non vediamo l’ora di scoprire quali sorprese riserverà il futuro a questo brand streetwear così speciale e a ognuno dei ragazzi, che con la loro energia ci hanno insegnato che tutto è possibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *